4 stagioni per andare all’Argentario

Condividi ora!

4 stagioni per andare all’Argentario e visitarne i dintorni perché come per gran parte della nostra bella Toscana questa zona è perfetta per soggiorni ed escursioni durante tutto l’anno.

Sei un amante del lusso? ami giocare a Golf? oppure ti piace il mare limpido e le calette fra gli scogli? o magari preferisci goderti il panorama delle isole davanti ad una grigliata di mare…

Queste e molte altre sono le motivazioni. mettiti comodo e leggi con calma quello che segue, un vero breve vademecum per una delle zone più belle della Costa Toscana.

4 stagioni per andare all’Argentario

Panorama dal Convento dei Passionisti, con Orbetello e il Tombolo della Feniglia

L’Argentario è un’antica isola che si è saldata al continente nel corso dei secoli; oggi è un alto promontorio roccioso sovrastato del Monte Telegrafo (635 m).

È collegato alla terraferma da due lingue di sabbia che si allungano da est ad ovest. Quella verso nord si chiama “La Giannella” e quella verso sud si chiama “la Feniglia“.

Al centro una stretta striscia di territorio che va da Orbetello Scalo fino ad Orbetello per poi ridursi ad una strada che corre quasi a filo dell’acqua e che collega Orbetello con l’Argentario.

A filo d’acqua perché appunto da una parte e dall’altra c’è la laguna che regala immagini pittoresche e tramonti fantastici sulle sue acque piatte e ricche di pesci.

Ma ora andiamo nel dettaglio a vedere perché 4 stagioni per andare all’Argentario.

4 stagioni per andare all’Argentario, la prima: l’ estate

Parliamo dell’estate perché si collega subito l’idea del mare alla costa e quindi anche all’Argentario.

Infatti le due strisce di sabbia che abbiamo appena nominato sono un’eccellente destinazione e scelta per chi ama la spiaggia lunga e il mare che degrada lentamente.

La Giannella per quando soffiano i venti dei quadrati meridionali e la Feniglia per quando invece il maestralino increspa il litorale nord.

La lunga spiaggia della Feniglia

A me da sempre piace di più la Feniglia perché la trovo più selvaggia e con dei contrasti di colori fra il colore dorato della sabbia, il blu del mare e il verde della fitta pineta alle spalle…

Entrambe eccezionali per le famiglie e per i bambini proprio perché con possibilità di ombra anche senza l’ombrellone e mare poco profondo.

Per chi ama passeggiare non ci sono dubbi: dalla spiaggia della Feniglia volendo si può arrivare fino ad Ansedonia, sono circa una decina di chilometri.

Ma ancora, andiamo proprio sull’Argentario.

Qui è tutto un susseguirsi di calette se si esclude la parte più costruita che porta fino a Porto Santo Stefano a nord e a sud a Porto Ercole.

Il resto della costa si visita bene con un gommone o altra imbarcazione infatti le spiagge più belle sono raggiungibili a piedi tramite strade sterrate che si riducono in sentieri alcuni anche abbastanza scoscesi.

Proprio per questo, l’intero perimetro dell’Argentario è perfetto per fare snorkeling e ci sono tantissime belle immersioni come all’Argentarola.

La seconda stagione: l’ autunno

Passata l’estate e smaltita la folla agostana, ci si avvia verso una stagione dal clima ancora caldo e gradevolissimo.

L’acqua del mare è sicuramente più piacevole che in primavera quindi ancora bagni fino almeno a metà Ottobre ma non solo.

Ottimo momento dell’anno per andare sul Monte Telegrafo da dove ammirare le isole del Giglio e di Giannutri.

Passato il caldo si possono fare più agevolmente belle passeggiate e diversi percorsi trekking.

Barche di tutti i tipi a Porto Santo Stefano

È anche un bel periodo dell’anno per noleggiare una barca a vela.

Vuol dire godersi qualche veleggiata con saporiti rientri magari a Porto Ercole o a Cala Galera dove si potrà cenare in banchina o nei tanti ristoranti sul porto.

L’autunno, anche se le giornate sono più brevi, dona colori più caldi e i tramonti all’Argentario sono davvero imperdibili.

La terza stagione: l’ inverno

Che ci faccio al mare d’inverno… il mare d’inverno è un concetto … che la mia mente considera spesso.

Il microclima dell’Argentario dona inverni miti, i paesi restano attivi e non hanno quello strano aspetto dei paesi lungo tanti litorali dove in inverno è tutto chiuso…

A Porto Santo Stefano c’è sempre un bellissimo mercato del pesce di fronte all’imbarco dei traghetti per il Giglio.

I pescherecci, salvo che non ci sia mareggiata, escono e rientrano con regolarità.

Anche solo osservare i lavori di riassetto delle barche, ascoltare i dialoghi e i richiami in squisito dialetto locale è sicuramente divertente ed inconsueto.

Le attività del paese sono tutte aperte e quindi si passa davanti al forno e il profumo del pane e delle briosce non può che far venire l’acquolina in bocca.

I prezzi sono decisamente più bassi che in estate per cui è un’ottima occasione per un bel weekend anche in appartamento.

Ci si può divertire a cucinare qualcosa di speciale con vista sul mare oppure ci si può concedere un bel localino.

Sicuramente in ogni caso si potrà gustare pesce freschissimo portato dai pescherecci di cui sopra.

La quarta stagione: la primavera

I venti possono essere ancora freddi ma le giornate si allungano e soprattutto la macchia inizia a rifiorire. In questo periodo dai cieli luminosi le foto avranno un carattere diverso e più deciso.

L’Argentario diventa un ottima destinazione per una passeggiata a cavallo lungo le belle spiagge della Giannella.

Un cosa diversa può essere fare raccolta lungo la spiaggia della Feniglia di rami strani sbiancati e contorti che le mareggiate invernali hanno spiaggiato.

Ci si può divertire a trasformarli in oggetti di arredo come attaccapanni o scaccia spiriti a seconda della fantasia.

E se le mareggiate si attardano?

È uno spettacolo impareggiabile e se il vento è forte, talmente forte da farci cadere… ecco si può giocare ad appoggiarsi sulla raffica… ma attenti a quando la raffica cala!

Rientrando si può anche passare a vedere il Convento dei Frati Passionisti.

La chiesa del Convento dei Frati Passionisti

Nel complesso c’è infatti una chiesa di stile settecentesco.

La sua facciata neoclassica e decorata internamente con stucchi in stile barocco nasconde numerose reliquie di San Paolo ed alcune opere pittoriche di rilievo.

E per finire….

La primavera è anche un bellissimo momento per il golf e all’Argentario c’è il prestigioso campo da golf a 18 buche dell’Argentario Golf Resort & SPA.

Al centro di questo bellissimo campo, c’è anche una zona pianeggiante, l’unica di queste dimensioni in tutto l’Argentario e qui sorge la Club House dell’Argentario Polo Club.

Lo sport del Polo è sicuramente affascinante ed emozionante visto che si tratta di uno degli sport più veloci e duri giocati attualmente.

In campo, in sella ai loro cavalli lanciati al galoppo, i giocatori spesso raggiungono i 70 chilometri all’ora di velocità, a contatto l’uno con  l’altro,  con rapidi  cambiamenti di  traiettoria…

Visto? adesso sono sicura che sai perché l’Argentario è una meta per tutte le stagioni… perché non cominciare proprio in settembre a conoscerlo?

Visita il sito con le nostre proposte viaggio toscana.bluesubmarineviaggi.com

Se cerchi un itinerario su misura, chiedi la nostra consulenza gratuita

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *