La Fortezza della Brunella

Condividi ora!

La Fortezza di Aulla, meglio conosciuta come Fortezza della Brunella, si trova in Lunigiana, in provincia di Massa Carrara.

Il nome si riferisce al colore della roccia sulla quale è costruita. A livello architettonico si tratta di un classico sistema difensivo rinascimentale. L’esatta epoca di costruzione non è chiara, e nemmeno chi furono i vari committenti.

Struttura della Fortezza della Brunella


La Fortezza della Brunella rappresenta l’opera militare più potente della Lunigiana. In passato controllava tutti i valichi appenninici ed i principali percorsi della zona, grazie alla sua posizione strategica.

La sua possente pianta quadrata è completata da un profondo fossato e sormontata da quattro grossi puntoni di forma rettangolare. Al cortile si accedeva per mezzo di un ponte levatoio, adesso sostituito da uno in muratura.

La Fortezza della Brunella

Un po’ di storia

Quasi certamente la Fortezza della Brunella ha sostituito un antico fortilizio medievale.
Le ipotesi relative a chi la volle costruire come la vediamo oggi sono tre.

Potrebbe essere stato Giovanni dalle Bande Nere dopo la conquista del feudo dei Malaspina nel 1522.

La configurazione dell’architettura militare, infatti, sembra ricondurre ad Antonio da Sangallo il Vecchio che fu tanto apprezzato dalla famiglia Medici.

Potrebbe anche essere stato Jacopo Ambrogio Malaspina, che fu marchese di Aulla alla fine del XV secolo.

Ma l’ipotesi più plausibile sembra riguardare Adriano Centurione, uomo di affari genovese, che acquistò il feudo verso la metà del 1500.

I Centurione rimasero in possesso della fortezza fino agli inizi del Settecento quando, durante la guerra di successione spagnola, i franco-spagnoli sostenuti dai Centurione la occuparono.

Nel 1716 il Sacro Romano Impero dichiarò la decadenza di Luigi Centurione dai feudi aullesi, e Alessandro Malaspina di Podenzana, divenne il nuovo possessore. In seguito, durante la guerra di successione polacca, la Fortezza fu conquistata dalle truppe spagnole sbarcate a La Spezia.

Nel 1737 il marchese di Podenzana ne entrò nuovamente in possesso.

I tempi più recenti della Fortezza

Una sala del Museo di Storia Naturale della Lunigiana all’interno della Fortezza della Brunella

Attorno al 1860 dei privati acquistarono la fortezza, che passò poi nel 1920 a due coniugi inglesi: la giornalista Lina Dulf Gordon e il pittore Aubrey Waterfield che trasformarono la fortezza nella loro residenza.

Infine, nel 1977 la acquistò lo Stato Italiano affidandola al Comune di Aulla. Oggi è la sede del Museo di Storia Naturale della Lunigiana.

Questa possente costruzione che si staglia contro il profilo delle Alpi Apuane ha indubbiamente un grosso fascino.

Visita il sito con le nostre proposte viaggio toscana.bluesubmarineviaggi.com

Se cerchi un itinerario su misura, chiedi la nostra consulenza gratuita


Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *