Le Balze del Valdarno

Condividi ora!

Le Balze del Valdarno vengono considerate per la loro conformazione il Grand Canyon della Toscana

In un panorama unico e spettacolare possiamo ammirare pinnacoli e calanchi modellati dalla natura e dai secoli e circondati da ulivi e vigneti. 

Formate da argilla, ghiaia e sabbia hanno un intenso colore giallo ocra che assume tonalità diverse con i raggi del sole. 

È una delle mete di maggior interesse naturalistico e geologico che lasciarono folgorato persino Leonardo da Vinci che le immortalò anche in alcuni suoi dipinti tra cui “La Vergine delle Rocce”.

Le Balze del Valdarno, dove sono?

L’area delle Balze si trova nel comune di Reggello, tra Firenze e Arezzo. 

Siamo nella parte di territorio del Valdarno Superiore compresa tra la riva dell’ Arno, i Monti del Chianti a ovest e ad est le colline che ci introducono a Pratomagno

Il contesto naturale delle Balze

Come si sono formate ?

Partiamo da molto lontano, circa 25 milioni di anni fa, dallo scontro delle zolle della crosta terrestre.

La zolla africana e quella europea spinte l’una verso l’altra iniziarono a generare  montagne ma anche fosse.

A noi qui interessa la fossa del Valdarno che, in epoca pliocenica, era  coperta da un lago.

Grazie anche ad un frattura del terreno il lago arrivò via via a svuotarsi. 

Da qui si formarono un insieme di numerosi corsi d’acqua che iniziarono a lavorare erodendo e formando valli intagliando e scavando il terreno.

Il corso dall’Arno e dei suoi affluenti andò a scendere sino al livello in cui si trova oggi.

A causa di questa erosione continua e al movimento di tonnellate di terra si sono formate colline, altopiani  e pareti verticali chiamate Balze.

Oggi è una terra molto fragile e a causa di ciò, negli anni futuri subirà ancora notevoli mutazioni.

Come si possono visitare?

Le Balze dell’Acqua Zolfina

Le Balze sono facilmente raggiungibili in auto.

L’area è molto vasta e vi sono molti itinerari percorribili tra cui un percorso ad anello. 

Sono ben visibili percorrendo la SP1 , strada provinciale dei Setteponti.

Uno dei punti migliori è tra Reggello e Montemarciano passando per Piantravigne, Faella e Pian di Scò.

Ma il modo migliore per apprezzarle è a piedi.

Diversi sono i sentieri da percorrere a piedi e in bicicletta.

Tra più scenografici il sentiero dell’acqua zolfina un percorso di circa 6km a dir poco spettacolare che parte dal paese di Castelfranco di Sopra.

Seguendo le indicazioni si avrà la possibilità di fare questa bellissima passeggiata alla portata di tutti per ammirare al meglio le Balze del Valdarno 

Visita il sito con le nostre proposte viaggio toscana.bluesubmarineviaggi.com

Se cerchi un itinerario su misura, chiedi la nostra consulenza gratuita

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *