Le Colline Metallifere

Condividi ora!

Le Colline Metallifere della Maremma Toscana si sviluppano su due province.

Si trovano nella parte sud della provincia di Livorno e nel nord di quella di Grosseto.

Come suggerisce il nome, sono note fin dall’Età dei Metalli.

Erano interessanti per l’abbondanza di minerali che da sempre caratterizzano l’economia della zona.

Ma andiamo a conoscere meglio queste colline…

Colline Metallifere: come e perché

Suvereto

Le Colline Metallifere della Maremma Toscana comprendono svariati comuni.

Ne fanno parte Sassetta, Campiglia Marittima e Suvereto nella Provincia di Livorno.

Gavorrano, Massa Marittima, Monterotondo Marittimo, Montieri, Roccastrada e Scarlino in quella di Grosseto.

A questi si aggiunge la parte settentrionale del Comune di Castiglione della Pescaia.

E si può inserire anche il massiccio collinare di Poggio Ballone e la zona pedecollinare che si apre sul Golfo di Follonica.

Le Colline Metallifere sono ricche di paesaggi meravigliosi ed eterogenei.

Osservando bene, appaiono come un susseguirsi di dolci pendenze ricoperte da boschi e campi.

Sulla loro sommità troviamo antichi borghi medioevali con edifici in pietra dominati da antiche torri.

Si passa dalla tipica macchia mediterranea alla pineta sempre verde e profumata sul litorale.

Il paesaggio è veramente variegato.

Come dicevamo all’inizio, la notorietà di quest’area è dovuta soprattutto alle sue risorse minerarie.

Lo sfruttamento di queste ricchezze si è protratto sin dall’epoca degli Etruschi.

Abili artigiani e commercianti, fondarono le loro principali attività proprio sull’utilizzo e lavorazione dei minerali.

Sono riconoscibili ancora oggi i resti degli antichi forni e delle loro miniere lungo tutto il litorale del golfo di Follonica.

La Cattedrale di Massa Marittima

Le più conosciute città etrusche, come Gavorrano, Montieri e Monterotondo, raggiunsero il loro apice proprio grazie all’abbondanza di rame, argento e ferro.

Il Parco Nazionale Tecnologico e Archeologico delle Colline Metallifere Grossetane oggi valorizza questi siti minerari.

Si estende in sette comuni della Maremma.

E in ognuno dei sette territori troviamo una o più Porte del Parco.

Sono centri d’accoglienza e punti informativi dove vengono organizzati itinerari e visite guidate.

Nel 2010 il parco delle Colline Metallifere è stato inserito nel network dei geoparchi europei.

Ha ottenuto il prestigioso riconoscimento anche dall’UNESCO.

Un progetto di turismo lento…

Un nuovo progetto è al lavoro per questa zona.

Una nuova frontiera per gli appassionati del turismo lento che porta il nome di Via delle Città Etrusche.

È una serie di percorsi che si snoderanno per 173 km sulle Colline Metallifere.

Collegheranno le città etrusche di Vetulonia, Roselle, Populonia e Volterra.

E lo faranno grazie al recupero di antiche strade immerse nella natura.

Volterra

L’obiettivo del progetto è creare una rete di sentieri turistici in grado di collegare tutta l’Etruria.

Da quella meridionale con quella settentrionale e il suo entroterra.

Entro la fine del 2022 i sentieri prescelti per questo itinerario dovrebbero iniziare a vedere la luce.

Il consiglio perciò è di tenere a mente la dead line e continuare a tenersi aggiornati!

Visita il sito con le nostre proposte viaggio toscana.bluesubmarineviaggi.com

Se cerchi un itinerario su misura, chiedi la nostra consulenza gratuita

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *