Le Foreste Casentinesi

Condividi ora!

Le Foreste Casentinesi si sono istituite in Parco Nazionale nel 1993.

La denominazione esatta è Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna.

Il Parco si sviluppa lungo il crinale dell’Appennino Tosco-Romagnolo e quindi si trova diviso fra due Regioni.

Una parte è nelle Provincie di Firenze e Arezzo in Toscana e una parte in quella di Forlì-Cesena in Romagna.

È uno dei patrimoni forestali e naturalistici più rilevanti d’Italia.

Spendiamoci sopra due parole.

Il Parco delle Foreste Casentinesi

La Cascata dell’Acquacheta

È un’area molto particolare, perché vi offrirà una grande varietà di ambienti e ovunque paesaggi spettacolari.

In particolare, sul versante toscano troverete ondulazioni più dolci con boschi e castagneti ma anche pascoli e campi coltivati.

Avrete una vasta scelta di opportunità fra itinerari ed esperienze assolutamente imperdibili.

Si può fare trekking e mountain-bike fra abeti secolari, ruscelli e cascate e trovare una fauna del tutto indisturbata.

A proposito di quest’ultima si può dire che probabilmente è la più ricca e diversificata di tutto l’Appennino.

Potrete incontrare cinghiali, caprioli, daini ed anche cervi, specie alloctona introdotta al tempo del Granduca.

Oramai, comunque, è perfettamente inserita nell’ambiente.

Come è certa la suggestiva presenza di alcuni branchi di lupi.

Sono più di una cinquantina di esemplari e sono in splendida forma.

E poi tantissime varietà di uccelli e nelle acque la presenza del raro e protetto gambero di fiume.

Inoltre, qua ci sono un’infinità di luoghi in cui si respira un’atmosfera mistica come a Camaldoli e a La Verna.

Da qua sono passati personaggi del calibro di Dante Alighieri e Ludovico Ariosto.

Qua hanno pregato figure religiose come San Francesco e San Romualdo.

L’ Eremo di Camaldoli avvolto dalla nebbia

Un po’ di storia

La storia di questo territorio comincia in età antica, con i primi insediamenti Etruschi

I nostri avi trovarono nel “Lago degli Idoli” il più importante sito dell’Appennino Tosco-Romagnolo dove venerare le proprie divinità.

E nelle acque di questo piccolo stagno sono state ritrovate un’infinità di statuette, monete ed oggetti d’oro di squisita fattura.

Siamo sulle pendici del Monte Falterona da cui – sia detto per inciso – nasce l’Arno.

Le Foreste Casentinesi furono un’area ben nota già nel Medioevo.

Le popolazioni toscane sfruttavano il prezioso legname proveniente da questi boschi.

Era indispensabile per numerose attività, come, per esempio, per costruire le impalcature per la costruzione del Duomo di Firenze e non solo.

Nel corso del tempo il Granducato di Toscana impiegò gli enormi abeti bianchi ricavati da queste montagne per costruire gli alberi maestri delle flotte navali toscane.

Le Foreste Casentinesi: cosa fare

Nel Parco ci sono più o meno 600 km di sentieri che potete percorrere sia a piedi che in mountain-bike.

Il bird-watching e la caccia fotografica vi offriranno spunti e soddisfazioni oltre ogni ragionevole aspettativa.

Tra i percorsi escursionistici più interessanti che si possono effettuare c’è quello che porta alla Cascata dell’Acquacheta

Un selvaggio e incantevole angolo immerso fra alberi maestosi, reso famoso dai versi che scrisse nell’”Inferno” Dante Alighieri.

E proprio al Sommo Poeta è dedicato un lungo cammino che ricalca le sue orme, da Firenze a Ravenna e che passa proprio per l’Acquacheta.

Il Sentiero delle Foreste Sacre

Il “Sentiero delle Foreste sacre”, poi, è una proposta volta ai visitatori più attenti, agli escursionisti che desiderano una differente chiave di lettura di questo territorio veramente unico.

Questo percorso consente di fare interessanti scoperte e di avere piacevoli sensazioni nelle sette tappe in cui si articola.

Se amate la natura, se volete ricercare in essa quei valori dell’esistenza che purtroppo i ritmi della vita moderna allontanano sempre di più, non potete non concedervi le esperienze quasi mistiche che vi possono dare le Foreste Casentinesi.

Visita il sito con le nostre proposte viaggio toscana.bluesubmarineviaggi.com

Se cerchi un itinerario su misura, chiedi la nostra consulenza gratuita

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *