Mercatini antiquari: Lucca

Condividi ora!

Anni fa un amico mi fece appassionare agli orologi di epoche passate e presi a frequentare mercatini antiquari o più semplicemente rigattieri in caccia del “pezzo” importante.

Presto però fui più attratta dalla varia tipologia dei frequentatori che dagli orologi e per un po’ andai in giro per i mercati solo per usare il mio teleobiettivo ed immortalare espressioni, atteggiamenti e particolari vari.

Mercatini antiquari, che passione!

Un banchino specializzato in argenteria

Tuttavia, sia come aspirante collezionista prima che come fotografa poi, mi sono sempre sentita attratta dall’ambiente dei mercatini antiquari.

Mi piacciono gli oggetti che vi si possono trovare.

E mi piacciono anche i soggetti che frequentano l’ambiente.

Pensate che ancora, per esempio, quando vado a Londra, faccio sempre in modo di incastrare un sabato mattina libero per andare a Portobello Road.

Ma rimaniamo sui mercati di casa nostra.

C’è sempre un’aria festaiola di chi è in cerca di un determinato oggetto e ne fa una sorta di avventura.

C’è chi cerca autogratificazione atteggiandosi ad intenditore o a collezionista di successo.

E c’è anche chi semplicemente si diverte e ritrovarsi fra le mani oggetti vari che ricorda di avere usato o visto da piccolo in casa dei nonni.

Oppure c’è chi cerca oggetti strani o marchingegni assurdi perché è amante dell’insolito.

Di tutto un po’

A pensarci bene, questa non è una moda, o almeno non è una moda dei giorni nostri.

Si può risalire addirittura al medioevo.

Allora nelle città non c’era certo la strada dello shopping!

Era sulle sulle bancarelle o presso i mercanti che i nobili trovavano le cose più eleganti, o strane, o rare per arredare le loro ricche magioni ed ostentare la loro potenza.

A Lucca

In Toscana il Mercato Antiquario Lucchese è ormai un appuntamento imperdibile ed è fra i più belli della regione.

Ufficialmente ebbe la prima edizione nel 1970.

Si tiene ogni mese la terza domenica ed il sabato che la precede.

Gli oltre duecento espositori hanno per cornice niente meno che il prezioso centro storico di Lucca fra Via del Battistero, Piazza San Martino, Piazza San Giovanni, Piazza San Giusto e Piazza Bernardini.

Sui banchi si trovano oggetti vari di antiquariato come monili, suppellettili, vecchi giocattoli, vecchi attrezzi da lavoro, componenti di arredo, quadri, drapperie, vecchie macchine fotografiche e chi più ne ha più ne metta.

I frequentatori, tantissimi, respirano l’aria di chi cerca la grande occasione in un’atmosfera informale e popolare.

È un’ambientazione calorosa e semplice, alimentata dal gusto per l’antico e per il pittoresco.

Il luogo per una meritata pausa

E “last but not least”, come direbbero gli inglesi, grandi appassionati di questo genere di mercati, nell’occasione bar e ristoranti, piccoli e grandi, offrono curiosità di un altro genere: quello enogastronomico.

Mettete tutto insieme e ditemi se non vi sembra il caso di programmare una gita a Lucca nel terzo weekend di qualche mese a breve.

Visita il sito con le nostre proposte viaggio toscana.bluesubmarineviaggi.com

Se cerchi un itinerario su misura, chiedi la nostra consulenza gratuita

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *