Piazza dei Miracoli

Condividi ora!

Pisa è famosa in tutto il mondo per un monumento che affascina per la sua bellezza e la sua particolarità: la famosa Torre Pendente di Pisa. È talmente bella e originale che toglie splendore agli altri 3 monumenti di Piazza dei Miracoli: la Cattedrale, il Battistero e il Campo Santo. Fu D’Annunzio a definirli per primo “miracoli” per la loro bellezza e originalità.

Dove trovate una piazza in cui monumenti così maestosi poggiano su un soffice prato, studiati come in una scenografia?

Le origini di Piazza dei Miracoli

L’imponenza elegante del Duomo di Pisa con dietro la Torre Pendente

Lo spazio ad oggi chiamato Piazza dei Miracoli è stato un luogo sacro fin dall’antichità.

Nonostante fosse esterno alle mura cittadine, nel 1063 i pisani scelsero questo sito per iniziare la costruzione dell’attuale cattedrale intitolata a Santa Maria Assunta e chiamata Santa Maria Maggiore in riferimento ad una chiesa pre-esistente.

I monumenti di Piazza dei Miracoli

Il cuore di Piazza dei Miracoli è la Cattedrale nonché Duomo di Pisa. Ha una pianta a cinque navate con transetto a tre navate quasi come fossero tre chiese in una: il corpo centrale e le due navate laterali.

È il primo esempio di stile Romanico Pisano e sfoggia ricchissime decorazioni in marmi multicolore e mosaici. L’interno è rivestito in marmo nero e bianco con un soffitto a cassettoni dorati.

Un incendio nel 1595 distrusse la quasi totalità delle opere medioevali ma fortunatamente il mosaico absidale è rimasto intatto.

Il Battistero, sul lato ovest del Duomo

Di fronte alla facciata Ovest del Duomo, troviamo il Battistero. La sua costruzione fu iniziata nel 1153 in stile romanico ma rimase incompiuto fino al XIV secolo quando Nicola Pisano lo terminò ispirandosi allo stile gotico.

Il Battistero è ricco di simbolismo: al suo interno troviamo 12 colonne come il numero degli apostoli, un fonte battesimale a 8 lati che indica il giorno non creato, posto su 3 scalini che simboleggiano il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo.

È il più grande Battistero in Italia con una circonferenza di 107,25 metri.

La Torre di Pisa

Il campanile, noto come Torre di Pisa, è forse la torre più famosa al mondo. La sua costruzione iniziò nel 1173 ma già prima del suo completamento iniziò ad inclinarsi. L’ultimo piano, la cella campanaria, è del 1350 e custodisce 7 campane.

Per anni gli studiosi hanno attribuito la sua costruzione a Bonanno Pisano, autore delle porte in bronzo del Duomo ma di recente nuovi studi l’attribuiscono a Diotisalvi, architetto del Battistero.

La torre conta otto piani; sei di questi sono circondati da una loggetta con archi a tutto sesto che riprendono il motivo della facciata della cattedrale. L’inclinazione di circa 5 metri rispetto alla verticale, è dovuta al suolo sabbioso sul quale poggiano le fondamenta.

Le visite alla torre sono strettamente regolamentate ma è bellissimo salire fino in cima: il panorama di Piazza dei Miracoli e di Pisa lascia senza parole e salire la scala a chiocciola interna, guardando fuori, ci fa sentire come sospesi nel vuoto a causa della pendenza.

Da questa inquadratura si nota la strana forma della Torre di Pisa: non è solo inclinata, ma anche leggermente curva, per compensare lo sbandamento che si verificò già durante la sua costruzione

Piazza dei Miracoli è una delle piazze più scenografiche d’Italia: da qualsiasi ingresso arrivi, il visitatore la vede all’improvviso in tutta la sua maestosità dove il bianco dei monumenti spicca sul verde dell’erba.

Una Piazza del Duomo davvero unica!

Visita il sito con le nostre proposte viaggio toscana.bluesubmarineviaggi.com

Se cerchi un itinerario su misura, chiedi la nostra consulenza gratuita

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *