Un salto all’isola d’Elba

Condividi ora!

Terza isola d’Italia e la più grande dell’Arcipelago Toscano, oggi facciamo un salto all’isola d’Elba!

147 km di coste variegate, rigogliosa macchina mediterranea e la maestosa bellezza del Monte Capanne. L’isola d’Elba è un centro di attrazione per ogni tipo di turismo.

Un salto all’isola d’Elba: un po’ di storia…

Per parlare della storia dell’Elba dobbiamo ripercorrere a ritroso i secoli, andando molto indietro. Arriviamo addirittura al Paleolitico, come testimoniano i reperti che troviamo nel Museo archeologico di Marciana.

Ma come spesso accade, partiamo dal mito: secondo la leggenda, è a Porto Argon, l’odierna Capo Bianco, che Giasone fece tappa durante l’avventura del Vello d’Oro.

Per gli Etruschi, l’Elba fu inesauribile fonte di ricchezza: già nel VIII secolo a.C. sfruttavano le miniere ed esportavano il ferro in tutto il bacino del Mediterraneo.

L’appellativo greco Aethaliascintilla – venne attribuito all’isola dai navigatori greci, che da lontano scorgevano i bagliori dei forni che, giorno e notte, fondevano i metalli.

Dal declino degli Etruschi, i Romani, oltre a ereditare l’industria siderurgica, valorizzarono i giacimenti di granito. Scoprirono inoltre i fanghi curativi delle Terme di San Giovanni e la bontà delle vigne.

Nel Medioevo fu la Repubblica Marinara di Pisa a sfruttare le miniere di ferro e il granito dell’Elba. Del periodo pisano troviamo oggi la possente Fortezza di Marciana e il maniero del Volterraio.

Il Maniero del Volterraio

Nel 1548 arrivarono i Medici e Cosimo I realizzò la città di Portoferraio. L’armonia tra mare, terra e opere architettoniche era talmente perfetta che la nuova città fu chiamata Cosmopoli, in quanto “culla della civiltà e della cultura, esempio di equilibrio e razionalità”.

Nel corso del XVIII secolo, l’Elba fu contesa da diversi regni europei, finché non fu assegnata a Napoleone Bonaparte. Con soli dieci mesi di governo lasciò importanti innovazioni: costruì strade, riorganizzò l’economia mineraria ed incrementò la produzione e l’esportazione del vino.

Al termine del suo governo, Napoleone lasciò due residenze, divenute Musei Nazionali e frequentate ogni anno da migliaia di viaggiatori: Villa di San Martino e Villa dei Mulini.

L’isola d’Elba e il suo mare

In questo salto all’isola d’Elba, scopriamo insieme uno dei suoi protagonisti: mare e coste.

I 147 km dell’Elba si distinguono per la loro eccezionale varietà e le spiagge sono capaci di accontentare ogni tipo di gusto.

Spiagge di sabbia fine e sottile
La spiaggia della Biodola

Quelle dove potersi distendere e godere di riposo assoluto…

La spiaggia di Cavoli si trova nel sud dell’isola, a poca distanza da Marina di Campo: si tratta di una spiaggia lunga e sabbiosa, contraddistinta da un fondale molto basso, cosa che la rende particolarmente indicata per una vacanza con bambini.

La spiaggia di La Biodola presenta le stesse caratteristiche di Cavoli. Si tratta di un arenile lungo, ottimamente attrezzato e considerata come il luogo ideale per praticare immersioni e snorkeling.

Non possiamo non menzionare tra le più belle, la spiaggia di Secchetto, un bell’arenile molto ben attrezzato, e la spiaggia di Fetovaia, una delle più famose di tutta l’Elba.

Rocciose e sassose

Davvero splendide sono anche le spiagge di ghiaia e ciottoli: le più belle si trovano nei pressi del comune di Portoferraio. Da non perdere la spiaggia della Padulella, situata immediatamente ad est di Capo Bianco.

La spiaggia di Sansone invece, a 5 km da Portoferraio, non è proprio semplice da trovare. Per percorrere il sentiero che porta alla spiaggia, consigliamo di indossare delle scarpe sportive: la strada è infatti tortuosa e non proprio consigliata a bambini piccoli e passeggini.

Fondali elbani

Per chi vuole evitare confusione e folla (facile da trovare in alta stagione) le selvagge baie rocciose sono la soluzione ideale. Tra le più belle troviamo Chiessi, Patresi e Capo Sant’Andrea, tutte e tre situate sulla costa occidentale. Un po’ più difficili da raggiungere, ripagheranno della fatica con la loro bellezza.

Come diciamo spesso, Toscana e in questo caso l’isola d’Elba non sono solo mare…pronto per il prossimo capitolo?

Visita il sito con le nostre proposte viaggio toscana.bluesubmarineviaggi.com

Se cerchi un itinerario su misura, chiedi la nostra consulenza gratuita

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *